Deposito dei progetti ai sensi dell’art. 28 della Legge n. 10/91

La legge n. 10/1991 “Norme in materia di uso razionale dell’energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia” impone che il proprietario dell’immobile (o chi ne abbia titolo), depositi in comune in doppia copia, insieme alla denuncia dell’inizio lavori delle opere di cui agli articoli 25 e 26 della legge stessa, il progetto delle opere stesse corredate da una relazione tecnica sottoscritta dal progettista o dai progettisti, che ne attesti la rispondenza alle prescrizioni della presente Legge.

L’Amministrazione comunale restituisce una copia della suddetta documentazione con l’attestazione dell’avvenuto deposito; questa documentazione deve essere consegnata a cura del proprietario dell’edificio, o di chi ne ha titolo, al direttore dei lavori ovvero, nel caso l’esistenza di questi non sia prevista dalla legislazione vigente, all’esecutore dei lavori. Il direttore ovvero l’esecutore dei lavori sono responsabili della conservazione di tale documentazione in cantiere.

 

E’ dunque fondamentale che nella lettera di trasmissione della documentazione al Comune sia ben evidenziato l’indirizzo al quale il Comune deve riconsegnare la seconda copia.

Si avvisa che in caso di mancato ritiro dovuto ad errata indicazione dell’indirizzo, l’incartamento verrà trasmesso alla società ESATTO per gli adempimenti di competenza.

 

Si coglie l’occasione per avvisare tutti coloro i quali abbiano già depositato la documentazione in Comune ma non siano in possesso della copia con il timbro di avvenuto deposito, che è necessario recarsi quanto prima presso la stanza n° 525 – sita al 5° piano di Passo Costanzi 2 per la regolarizzazione dell’imposta di bollo ed il ritiro della documentazione, nei seguenti orari:

  •  lunedì e mercoledì: dalle ore 14:30 alle ore 15:30
  • martedì e giovedì: dalle ore 12.00 alle ore 13.00